Home » Informazioni Turistiche » Scavi di Pompei: torna la cucina degli antichi romani

Scavi di Pompei: torna la cucina degli antichi romani

Oggi come duemila anni fa. I menù dell’antica Pompei tornano a vivere grazie all’iniziativa di Coldiretti Campania, prevista per sabato 5 novembre, a partire dalle 9:30, nell’area archeologica degli Scavi presso il Quadriportico dei Teatri.

Un modo semplice e diretto per riaffermare lo stretto legame che unisce Storia, cultura, arte e gastronomia in un Paese come l’Italia. La degustazione, proprio come ai tempi degli antichi romani, si dividerà in gustum, primae mensae e secundae mensae, preparati secondi le ricette dell’epoca e consumati secondo le stesse modalità. Una opportunità unica al mondo per l’Italia, sottolinea Coldiretti, “dovecultura e cibo sono le principali leve di attrazione turistica strategiche per il rilancio dell’economia e dell’occupazione nel mezzogiorno ed in tutta Italia, come dimostra il dossier Coldiretti presentato nell’occasione”.

Alla degustazione è prevista la presenza del ministro ai Beni Culturali, Dario Franceschini, del presidente Coldiretti Roberto Moncalvo, del direttore generale Grande Progetto Pompei Luigi Curatoli e del Soprintendente all’area archeologica di Pompei, Massimo Osanna.

La splendida residenza riservata all’otium dell’imperatrice, grazie alla combinazione tra architettura, pittura e arte del giardino (arstopiaria), è uno dei complessi più suggestivi dell’area vesuviana.
L’eccezionale conservazione delle bellissime decorazioni in II stile pompeiano concorre a fare della villa un esempio unico e straordinario dell’architettura di lusso in Campania.

*info e prenotazioni*:
Telefono:3494570346
email: info@archeologianapoli.com
Prenota direttamente su: www.archeologianapoli.com
*La prenotazione va effettuata esclusivamente attraverso i canali sopra elencati entro e non oltre le ore 19.00 del giorno che precede l’evento.
Bisognerà indicare il cognome, il numero di persone per cui si intende prenotare e un numero cellulare di riferimento.

Autore: Fabrizio
Tags