Home » Informazioni Turistiche » Napoli: iniziano i lavori di restauro dei torrini a Castel dell’Ovo

Napoli: iniziano i lavori di restauro dei torrini a Castel dell’Ovo

Aprono i cantieri per il restauro dei torrini d’ingresso a Castel dell’Ovo. I due bastioncini, messi quasi a guardia dell’imponente maniero che spicca sull’isolotto di Megaride, saranno restaurati dopo anni di interventi a macchia di leopardo. Nel 2012, infatti, ci furono i primi interventi in occasione delle regate dell’America’s Cup nel Golfo di Napoli. Interventi che, però, si limitarono alle sole merlature sulla sommità di entrambe le strutture, lasciando tutto il resto praticamente inalterato.

I cantieri inaugurati oggi, invece, prevedono una riqualificazione totale di entrambi i torrini. La Giunta comunale di Napoli ha così approvato la delibera che prevede un impegno di spesa di circa 210mila euro, con la rimozione dei pannelli d’amianto che erano presenti nel rivestimento interno del torrino di sinistra (per chi guarda Castel dell’Ovo).

Sulle superfici esterne, fa sapere una nota del Comune, si interverrà con il restauro dei paramenti murari in tufo, sgretolati dal tempo e dagli agenti atmosferici (siamo pur sempre in riva al mare). Previsti poi interventi di parziale integrazione della zoccolatura in piperno, con la ritinteggiatura del coronamento. Per quanto concerne il tufo, si procederà all’integrazione con nuovi conci, mentre per le restanti parti si provvederà a ripristinare l’aspetto originario mediante l’utilizzo di boiacca e pasta di tufo. Saranno inoltre sostituiti entrambi i portoncini d’ingresso, gravemente danneggiati, rifatti i solai, realizzata nuova pavimentazione e, infine, installato un impianto anti-intrusione.

All’interno sarà poi realizzato un soppalco autoportante in acciaio, con tavolato in legno, al di sotto del quale saranno sistemati un bagno per disabili e un deposito. All’interno dei due torrini, come da progetto originario, nasceranno un info-point per turisti, una sede per i custodi e un punto commerciale.

Autore: Fabrizio
Tags