Home » Chiese » Chiesa di San Domenico Maggiore

Chiesa di San Domenico Maggiore

La chiesa di San Domenico Maggiore si trova in Piazza San Domenico Maggiore.
Fu costruita per volere di Re Carlo d’Angiò, a partire dal 1283, anno in cui fu posta la prima pietra, mentre i lavori proseguirono fino al 1324 sotto la direzione degli architetti Francesi Pierre de Chaul e Pierre d’Angicourt. La consacrazione a San Domenico era già avvenuta nel 1255 per volere di Papa Alessandro IV, visto che sin dal 1231 i Domenicani, non disponendo di una sede in città, si stabilirono nel monastero della preesistente struttura dedicata a San Michele Arcangelo a Morfisa.

Lo stile con cui fu eretta la chiesa rispecchia i canoni gotici (tre navate, cappelle laterali, abside poligonale e ampio transetto), con la particolarità di essere rivolta in senso opposto alla piazza. Infatti, da essa si può vedere il retro dell’abside, nel quale, in periodo aragonese, fu aperta un’entrata secondaria.
Nei secoli successivi la struttura originaria è stata alterata anche a causa di restauri resisi necessari a seguito di terremoti o incendi. Nel periodo rinascimentale (XVI secolo) furono avviati i primi lavori, ma fu nel Seicento che si ebbero le trasformazioni più significative: in questo periodo, infatti, venne sostituito il pavimento con quello progettato da Domenico Antonio Vaccaro, i cui lavori proseguirono fino al XVIII secolo.

All’inizio del XIX secolo, tra il 1806 e il 1815, Gioacchino Murat decise di rimuovere i Domenicani dalla tutela del complesso monumentale per farne un’opera pubblica. Questo provocò danni alla biblioteca e al patrimonio artistico, accentuati ancor di più dall’ennesimo restauro affidato a Federico Travaglini. La struttura subì altri danni pochi anni dopo quando, con la soppressione degli ordini religiosi (1865-1885), i frati dovettero abbandonare di nuovo la città e gli edifici religiosi restaurati per adattarsi ad alcuni canoni imposti all’epoca.

Autore: Fabrizio
Tags